Utilizzo della tecnologia digitale per supportare l'apprendimento organizzativo

Utilizzo della tecnologia digitale per supportare l'apprendimento organizzativo

La tecnologia sta guidando l'arrivo di quella che alcuni chiamano la quarta rivoluzione industriale. L’idea è che ci stiamo muovendo attraverso l'era digitale verso una nuova era, in cui una vasta gamma di nuove tecnologie si combinano a una velocità senza precedenti, creando allo stesso tempo rotture e opportunità. Data la natura di questo cambiamento esponenziale, il futuro non è mai stato più difficile da prevedere. Sta arrivando più rapidamente di quanto le nostre organizzazioni, istituzioni e i nostri governi siano in grado di adattarsi.

Man mano che la tecnologia accelera, a livello globale siamo in pericolo di rimanere indietro perché non siamo in grado di adattarci con la stessa velocità. Spesso classifichiamo questa situazione come tipica di un mondo VUCA (Volatile, Incerto, complesso e ambiguo).  

L'arrivo delle tecnologie digitali, il loro rapido sviluppo e il loro essere sempre più sofisticate,  hanno generato molte nuove idee e nuove pratiche nell'apprendimento organizzativo.

Riteniamo che vi siano quattro prospettive importanti che aiuteranno tutti coloro che cercano di progettare ecosistemi di apprendimento in un ambiente VUCA.

Possiamo riassumerle in 4 frasi:

• L'apprendimento è il lavoro stesso

• Lascia che sia l’apprendimento a guidare

• Contesto non contenuto

• Processo non piattaforma

Dall'imparare a lavorare all’apprendimento come lavoro

Mentre andiamo verso la quarta rivoluzione industriale, il ritmo a cui dobbiamo imparare è in aumento. In queste condizioni, non possiamo più permetterci di separare il trasferimento di conoscenza dal trasferimento di apprendimento. In altre parole, dobbiamo essere in grado di utilizzare le nuove conoscenze immediatamente  e direttamente. In questo contesto, la separazione tra l'apprendimento del lavoro e l'effettivo svolgimento del lavoro sta venendo meno. Ci stiamo spostando rapidamente dal lavoro standardizzato in cui l'efficienza e la conformità sono stati fattori chiave di successo - verso un lavoro contingente, non standardizzato. Potremmo definire questo cambiamento come passaggio da un lavoro di mobilitazione ed organizzazione ad un’attività di sviluppo del talento creativo. Si tratta di un passaggio dalla gerarchia alle reti in cui l'apprendimento è molto più socialmente costruito, testato e applicato attraverso una rete di relazioni, collaborazioni e connessioni. Dobbiamo implementare le tecnologie digitali per supportare il processo di integrazione e connessione dell'apprendimento con il lavoro.

Lascia che sia l’apprendimento a guidare

L'arrivo di nuove (ed emergenti) tecnologie ha fornito una vasta gamma di strumenti, approcci, possibilità e gergo tecnico. Il mercato sta attraversando molte difficoltà  per far fronte alle ondate di innovazione, velocità e complessità. Molti professionisti del Learnig & Develpoment e delle Risorse Umane stanno faticano a prendere decisioni strategiche ed efficaci per quanto riguarda gli investimenti nella tecnologia, visto il settore in rapida evoluzione. La nostra opinione è sempre stata che non dobbiamo mai essere guidati da strumenti, tecniche o mode (telefoni cellulari, algoritmi o occhiali VR). Dobbiamo essere guidati dal bisogno di apprendimento e dalla progettazione che ne consegue. Dovremmo utilizzare la tecnologia (e qualsiasi altra cosa che potremmo ritenere attinente) per supportare la realizzazione di esperienze di apprendimento inerenti il lavoro che i dipendenti stanno facendo ora e che dovranno fare in futuro.

Contesto non contenuto

La fusione tra apprendimento, lavoro e ritmo esponenziale del cambiamento significa che siamo sempre più dipendenti dalla conoscenza implicita o tacita da mettere in pratica. La conoscenza e le informazioni esplicite sono ovunque tramite la ricerca con Google. Il problema cruciale delle prestazioni è il modo in cui applichiamo e utilizziamo tali conoscenze in modo efficace. Dal nostro punto di vista, creare enormi librerie di contenuti didattici crea diversi canali per accedere alla conoscenza. Ciò comporta il rischio di non riuscire completamente a risolvere il problema del trasferimento di apprendimento; della capacità di applicare l'apprendimento al contesto. È il contesto che è importante non il contenuto di apprendimento; il contesto include la natura del lavoro, la natura di chi apprende e il contesto sociale /relazionale /di rete in cui si trovano.

Processo non piattaforma

Le tecnologie digitali non hanno cambiato il modo in cui le persone apprendono, hanno solo fornito una gamma aggiuntiva di strumenti che ci aiutano a imparare. Ciò che rimane uguale è che qualsiasi processo di apprendimento intenzionale deve essere progettato. Nella fretta di fornire piattaforme digitali, sembra che abbiamo dimenticato il ruolo della pedagogia, della teoria e della pratica dell'apprendimento e della progettazione di alta qualità.

Le risorse di apprendimento devono includere i processi di apprendimento, non solo contenuti piatti o statici, che è l'equivalente digitale di uno slideshow. I computer possono fare molto più delle parole di progetto, delle foto o dei film proiettati su uno schermo. Quanto più sofisticato è l'apprendimento, tanto più sofisticato deve essere il progetto di apprendimento. Vediamo troppo spesso un approccio "taglia unica" all'apprendimento digitale. Non funziona. In Impact, la nostra pedagogia fonda le sue radici nella metodologia di apprendimento esperienziale proprietaria che continuiamo a sviluppare dopo 38 anni di esperienza. I nostri metodi sono agili, sono progettati per consentire all'apprendimento (e al dipendente) di guidare, adattarsi ed essere flessibile in base alle esigenze.

Grahame Broadbelt è Global Head of Communications and R&D in Impact.